HOME PAGE
NOI
CI PIACE
GIOCHIAMO
SOGNI
INFORMAZIONI
 
 

info@ingioco.org



frecciaSOGNI - DETTAGLIO ARTICOLO
torna all'elenco Sogni

Ricerca in educazione degli adulti
In un recente seminario organizzato dalla Provincia di Reggio Emilia con Sergio Tramma, docente di Educazione degli Adulti presso l'Università di Milano, abbiamo messo a confronto le pratiche e le modalità con cui viene offerta formazione alle persone che lavorano. Durante la mattinata il confronto è avvenuto tra la storia personale dei professionisti di formazione presenti e i loro episodi di efficacia e di successo. Durante il pomeriggio l'analisi si è spostata sul confronto tra i percorsi proposti e le sfide della vita che caratterizzano la storia deglia adulti di oggi.

E' evidente che la ricerca in questo campo è molto distante dalle pratiche e proprio per questo accade raramente che la qualità degli esiti di un percorso di formazione professionale sia tale da aprire a professionisti e imprese nuove opportunità di sviluppo e innovazione.

Per questo proponiamo a colleghi e operatori aziendali gli ultimi due lavori pubblicati da Sergio Tramma sul rapporto tra apprendimento e contesto professionale e comunitario.

Che cos'è l'educazione informale, 2009, Carocci
La scuola è una realtà importante e consolidata, ma non costituisce l'unica esperienza educativa in una società. Ne esistono altre, come ad esempio quelle relative ai mass media, alle relazioni all'interno di gruppi e organizzazioni, agli stili di vita proposti a giovani, adulti, anziani che, pur non facendo dell'educare la loro missione, incidono profondamente sulla vita degli individui. Il libro intende approfondire questo variegato e mutevole insieme di esperienze, che va sotto il nome di educazione informale, indagandone la rilevanza e la problematicità soprattutto in una società come quella contemporanea, in cui l'educazione è interessata da profonde e contraddittorie trasformazioni, e illustrando quelle esperienze e quei climi che rappresentano veri e propri fenomeni educativi di massa: riformulazione del rapporto tra locale e globale, flessibilità e precarietà dei corsi di vita, cultura della paura e dell'insicurezza ecc.

Pedagogia della comunità, 2009, Franco Angeli
L'interesse nei confronti della comunità si è notevolmente accentuato negli ultimi decenni, in ragione di una serie di fattori: la crisi dello Stato sociale, la ricerca di nuove modalità di partecipazione, il mutato rapporto tra locale globale, l'individualizzazione dei corsi di vita. Non di rado tuttavia la promozione e/o la riscoperta della comunità si declina in una sorta di localismo amorale: l'arroccamento "comunitario" come modalità di reazione al cospetto dei pericoli (reali o presunti) derivanti dalla globalizzazione e dai processi migratori, i corporativismi territoriali di vario tipo, i rifugi identitari reattivi, la domanda di sicurezza. Affrontare il tema della comunità significa addentrarsi in un fascio di contraddizioni denso di chiaroscuri, nel quale essa viene assunta talora come soluzione al problema, talaltra come problema essa stessa. In questo libro, la questione della comunità diventa oggetto d'attenzione pedagogica: sono indagate le forme, l'evoluzione e le dinamiche latenti ed esplicite dell'educazione alla comunità e dell'educazione della comunità; si affrontano inoltre i presupposti e gli orientamenti delle azioni educative territoriali tese a favorire, o a scoraggiare, la promozione, il consolidamento o lo sviluppo di esperienze comunitarie.





Collegamento da segnalare: www.ingioco.org


Copyright 2007 In Gioco P.IVA 02240830352 - web design brucomela comunicazione